ANTONIO LIGABUE. TORMENTI E INCANTI

Dal 19 marzo al 31 agosto le Sale Duca di Montalto presso il Palazzo Reale di Palermo avranno l’onore di ospitare la rassegna monografica “Tomenti e incanti” di Antonio Ligabue, pittore italiano d’arte naif.

Nato a Zurigo il 18 dicembre del 1899 ha avuto sin dalla tenera età un’esistenza difficile. Artista “borderline”, è sempre stato in bilico tra normalità e follia e la sua attività artistica, spesso derisa e incompresa, susciterà l’ammirazione e l’interesse di collezionisti, critici e storici dell’arte.

Figura difficile da inquadrare nel panorama dell’arte, non semplice da collocare nel pant36heon degli artisti contemporanei più quotati e riconosciuti, è stato un pittore istintivo e spontaneo. L’arte aveva in lui il potere di dare sollievo alle sue ansie, ossessioni e solitudine. Dipingeva rielaborando immagini, riutilizzando i suoi ricordi di infanzia, paesaggi, episodi di vita reali, libri, film o cartoline. Prediligeva ritrarre animali sia domestici che esotici in situazioni di quiete o di tensione, scene di vita quotidiane, paesaggi svizzeri ma anche autoritratti.

I periodi più proficui della sua pittura avvennero durante i frequenti ricoveri in ospedali psichiatrici motivati da episodi maniaco-depressivi che sfociavano in violenti attacchi contro la sua persona e contro gli altri.

La mostra “Antonio Ligabue. Tormenti e incanti”,promossa dalla Fondazione Federico II e dalla Fondazione Museo Antonio Ligabue, intende, attraverso oltre ottanta opere, far conoscere i diversi esiti dell’opera dell’artista nel corso della sua attività declinati nelle svariate tecniche attraverso le quali Ligabue si è espresso.

Dove: Palazzo Reale, Piazza Indipendenza – Palermo

Quando: 19 marzo – 31 agosto 2016

Orari: Lunedì/Sabato dalle 8.15 alle 17.40; Domenica e festivi dalle 8.15 alle 13.00; Sabato, domenica e festivi la mostra Ligabue resterà aperta fino alle ore 21.00 (ultimo biglietto ore 20.00)

Prezzi: Ingresso solo mostra € 6,00

Siti web: www.ligabuepalermo.it www.federicosecondo.org

Fonti: enciclopedia treccani, www.ligabuepalermo.it